CEMENTIFICI PETCOKE RIFIUTI DIOSSINE INQUINANTI TUMORI
Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.
NO ALL'USO DI COMBUSTIBILE CDR PER I CEMENTIFICI
"Per dire NO all'uso del CDR come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri ad indicare sul contenitore se il cemento, in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti". Gli ambientalisti lanciano l'allarme, per un eventuale coinvolgimento dei cementifici dell'isola allo smaltimento di rifiuti, con un comunicato stampa congiunto di Decontaminazione Sicilia, AugustAmbiente, Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo, Rete Rifiuti Zero Messina. "Infatti il cemento, ottenuto con il co-incenerimento di CDR e combustibile fossile, - spiegano le associazioni - diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica). Inoltre i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore. Alle Associazioni basta solo quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrari ad ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo. Al posto della combustione del CDR si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia. Dietro l'angolo - concludono le associazioni ambientaliste - ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l'autorizzazione del co-incenerimento del CDR; questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare CDR nei cementifici". Il Combustibile Derivato dai Rifiuti (CDR) è un combustibile solido triturato secco ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani, raccolto generalmente in blocchi cilindrici denominati ecoballe. Il CDR viene utilizzato per l'incenerimento in appositi impianti inceneritori, che essendo dotati di sistemi di recupero dell'energia prodotta dalla combustione producono elettricità o, assieme, elettricità e calore (cogenerazione). Il CDR può essere bruciato anche in forni industriali di diverso genere non specificamente progettati a questo scopo, come quelli dei cementifici, per i quali può essere un combustibile economicamente vantaggioso.Il 22 dicembre 2008 l'Italia è stata condannata dall'Unione europea, perché il CDR (anche il CDR-Q, la qualità migliore) va considerato non nuovo prodotto ma rifiuto, e deve quindi sottostare alle norme di sicurezza relative.



giovedì 19 agosto 2010

Le telecamere di Report sui cementifici










Le telecamere di «Report» sul cementificio




Un giornalista di Raitre ha raccolto una serie di interviste sul progetto di ampliamento dello stabilimento

In discussione l’attività dell’impianto della Valle dei progni e la vocazione vitivinicola del territorio


Il cementificio di Fumane

La questione del cementificio di Fumane sarà oggetto di un servizio durante la trasmissione di Raitre «Report», in onda a marzo, in data da destinarsi. Per tre giorni il giornalista Luca Chianca ha raccolto le interviste di cittadini, amministratori pubblici locali e provinciali, responsabili dei comitati (Salvalpolicella, Fumane Futura e Valpolicella 2000), per capire come stanno le cose.
«La nostra redazione», spiega Chianca, «ha ricevuto una segnalazione non meglio precisata. Nel servizio verrà focalizzata soprattutto l'anomalia tra un territorio vocato a viticoltura di pregio, paesaggisticamente di rilievo e l'esistenza di un cementificio che è anche un coinceneritore di scarti di lavorazione e rifiuti».
La Cementirossi, lo ricordiamo, ha chiesto di poter ammodernare lo stabilimento nella Valle dei Progni, installando un nuovo forno e una torre alta 103 metri, e di espandere gli scavi della marna sulla collina di Marezzane. Su questo la Regione non si è ancora pronunciata, mentre le valutazioni di impatto ambientale per l'ammodernamento dello stabilimento e l'uso di sostanze da mescolare all'impasto hanno ottenuto le autorizzazioni. «Proprio questo crea una situazione di anomalia in Valpolicella», afferma Lorenzo Albi, di Legambiente di Verona, «e cioè la contraddizione tra un progetto industriale così ampio in un'area agricola, importante a livello mondiale per la sua produzione di vini. Le due cose non sono compatibili. Eppure, anche se gli studi eseguiti dalla Commissione tecnica provinciale Via sottolineano l'impatto ambientale, le autorizzazioni sono state rilasciate lo stesso. Abbiamo presentato un mese fa un ricorso al Tar contro le autorizzazioni rilasciate in barba alle leggi esistenti, la 1497 del 1939 e la 42 del 2004, che impongono il rispetto paesaggistico della Valpolicella. La risposta dovrebbe arrivare tra sei mesi».
Qualcuno aveva ipotizzato la chiusura del cementificio dopo il 2025, data di scadenza della concessione, ma il grande investimento da parte dell'azienda piacentina sull'ammodernamento della struttura presuppone l'autorizzazione a poter scavare a Marezzane.
Per quanto riguarda l'occupazione (attualmente sono un centinaio i dipendenti della Cementirossi) qualcuno suggerisce che si potrebbero riconvertire questi posti di lavoro promuovendo il territorio. Ci sono poi la questione della produzione vitivinicola e il problema delle polveri di cemento, sollevato da produttori e cantine. Il conte Pieralvise Serego Alighieri nell'intervista ha sottolineato la necessità di una maggiore sensibilità su questi temi per la salvaguardia del territorio, scopo a cui tende la richiesta del Parco regionale della Valpolicella.
Il sindaco di Fumane, Domenico Bianchi, ha ribadito: «La nostra preoccupazione maggiore attualmente è la salute degli abitanti di tutta la Valpolicella, per questo sono stati intensificati i controlli delle emissioni; inoltre abbiamo chiesto un tecnico per avere informazioni precise sui rifiuti che entrano nello stabilimento. Il grosso problema da risolvere è quello della viabilità». E conclude: «Per noi c'è compatibilità tra industria e territorio, per questo sono stati dati i pareri favorevoli, però con una serie di condizioni».

Italcementi Economia e Ristrutturazione


*Consulenze Comuni, denunce alla Corte dei conti

*Le telecamere di Report sui cementifici

*Italcementi Monselice investimenti per abbattere le emissioni e dopo?


*Porto Empedocle La Italcementi Potenzia l'impianto

*Economia in Sicilia Operai in Piazza

*Il Direttore della Italcementi e la politica ambientale aziendale

*Italcementi assemblea azionisti
*Verbale assemblea azionisti italcementi aprile 2008
*Italcementi Analisi finanziaria e valutazione aziendale

*Italcementi Vibo Valentia Sentenza Petcoke scarica sentenza in pdf

*Italcementi Monselice investimenti per abbattere le emissioni e dopo?

*Italcementi Interrogazione Siragusa Giugno/08 e Risposta Ministro

*CEMENTERIE siciliane finanziamento costruzione stabilimento di Isola delle Femmine

*INTERROGAZIONI PARLAMENTARI ISOLA DELLE FEMMINE & MONSELICE

*Speciale Contributo alla società Cementerie Siciliane in Isola delle Femmine (1958)

*Italcementi e la sua capacità produttiva
*Cassa integrazione alla italcementi
*Italcementi carrara
*Italcementi carrara "che fine hanno fatto le promesse del sindaco
*Italcementi carrara chiude e licenzia
* INTERROGAZIONE Alessandra Siragusa su centraline rilevamento a Isola dele Femmine
* Muccilli:al fianco degli operai della Italcementi
*Italcementi borgo san dalmazzo
* Italcementi:Pedona Libera chiede consiglio comunale aperto
* Italcementi operai in sciopero
*14 sindaci impongono alla italcementi rispetto impegni presi
*Italcementi matera a rischio il parco della murgia
*Italcementi rifiuti cdr pneumatici inceneritore
*Il cemento settore in ristrutturazione

*Procedure per valutare l'impatto ambientale

*Interrogazione Petcoke 2007
*Petcoke e inceneritori

*'Il cementificio inquina' Tre denunciati a Isola
*Chiazza di petrolio nel mare di Isola
*Timori e tremori sotto le ciminiere viaggio a Isola, paese nella polvere
*Isola, il cielo si tinge di rosso Italcementi ora deve spiegare
*la diffida
*la manifestazione
*Nube tossica a Capaci nuovo giallo
*Pet coke al cementificio operai contro ecologisti

* Casa Giovani Costi Mutui e Risparmio Energetico

*Se Confermata la connivenza è un danno all’immagine della politica di isola delle Femmine
*Se non ti allinei all’autorità diventi fastidioso
*NuovaIsoladelleFemmine: Le affinità Elettive Dichiarazione del Gruppo Rinascita Isolana
*Onestà, Rispetto, Impegno e Politica La Stampa
*Le strade del Comune di Capaci
*Roero
*IL VESPRO
*Blog Sicilia
*Giornale di Sicilia

Nessun commento:

Posta un commento