CEMENTIFICI PETCOKE RIFIUTI DIOSSINE INQUINANTI TUMORI
Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.
NO ALL'USO DI COMBUSTIBILE CDR PER I CEMENTIFICI
"Per dire NO all'uso del CDR come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri ad indicare sul contenitore se il cemento, in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti". Gli ambientalisti lanciano l'allarme, per un eventuale coinvolgimento dei cementifici dell'isola allo smaltimento di rifiuti, con un comunicato stampa congiunto di Decontaminazione Sicilia, AugustAmbiente, Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo, Rete Rifiuti Zero Messina. "Infatti il cemento, ottenuto con il co-incenerimento di CDR e combustibile fossile, - spiegano le associazioni - diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica). Inoltre i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore. Alle Associazioni basta solo quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrari ad ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo. Al posto della combustione del CDR si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia. Dietro l'angolo - concludono le associazioni ambientaliste - ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l'autorizzazione del co-incenerimento del CDR; questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare CDR nei cementifici". Il Combustibile Derivato dai Rifiuti (CDR) è un combustibile solido triturato secco ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani, raccolto generalmente in blocchi cilindrici denominati ecoballe. Il CDR viene utilizzato per l'incenerimento in appositi impianti inceneritori, che essendo dotati di sistemi di recupero dell'energia prodotta dalla combustione producono elettricità o, assieme, elettricità e calore (cogenerazione). Il CDR può essere bruciato anche in forni industriali di diverso genere non specificamente progettati a questo scopo, come quelli dei cementifici, per i quali può essere un combustibile economicamente vantaggioso.Il 22 dicembre 2008 l'Italia è stata condannata dall'Unione europea, perché il CDR (anche il CDR-Q, la qualità migliore) va considerato non nuovo prodotto ma rifiuto, e deve quindi sottostare alle norme di sicurezza relative.



sabato 20 aprile 2013

MATTONATE ALL’OCCUPAZIONE: ITALCEMENTI DIMEZZA GLI IMPIANTI IN ITALIA


MATTONATE ALL’OCCUPAZIONE: ITALCEMENTI DIMEZZA GLI IMPIANTI IN ITALIA

Anche nel 2013 non ci sarà ripresa per il mercato delle costruzioni e delle infrastrutture: la domanda si è allineata ai livelli di fine anni Sessanta - Su circa 2500 addetti del gruppo, per 665 dipendenti ci sarà il ricorso alla cassa integrazione straordinaria - Se la crisi non passa la metà va in mobilità…


Luca Pagni per "La Repubblica"
Le peggiori previsioni si sono confermate: anche nel 2013 non ci sarà ripresa per il mercato delle costruzioni e delle infrastrutture. Per dirla con il principale imprenditore del ramo, Giampiero Pesenti, presidente di Italcementi «il mercato continua ad essere caratterizzato da una sovracapacità produttiva rispetto a una domanda che si è allineata ai livelli della fine degli anni Sessanta».
STABILIMENTO ITALCEMENTISTABILIMENTO ITALCEMENTI
Un salto indietro nel tempo iniziata a partire dal 2008 e che ormai è diventata strutturale. Due numeri per rendersene conto: se prima della crisi la domanda di cemento e similari in Italia sfiorava i 40 milioni di tonnellate, ora non si arriva alla metà. E il 2013 si chiuderà con meno di 20 milioni di tonnellate assorbite dal mercato.
STABILIMENTO ITALCEMENTISTABILIMENTO ITALCEMENTI
Se questo è il contesto, non stupisce che dall'assemblea dei soci di Italcementi - che si è tenuta ieri a Bergamo - sia arrivata la conferma del piano di ristrutturazione con cui il gruppo leader in Italia (nonché tra i primi in Europa) stia cercando di reagire alla recessione in Italia. Una operazione che non può che passare attraverso una riduzione dell'attività industriale e un "congelamento" degli impianti di proprietà, di fatto dimezzati da 17 a 8.
STABILIMENTO ITALCEMENTISTABILIMENTO ITALCEMENTI
I Pesenti lo hanno chiamato "Progetto 2015" è già spiega quanto ancora bisognerà aspettare per tornare a guardare il futuro con un briciolo di serenità. Il progetto, così come comunicato ai sindacati a dicembre 2012, è stato confermato ieri nelle sue linee fondamentali agli azionisti del gruppo quotato in Borsa. Anche perché i primi tre mesi dell'anno non hanno rivelato alcuna inversione di tendenza.
In sostanza, dei 17 impianti di proprietà di Italcementi nel nostro paese a fine 2011, il piano al 2015 ne prende in considerazione 14, visto che tre impianti erano già usciti di produzione nel corso del 2012, uno era stato venduto e due declassati a centri di macinazione dei materiali.
Di questi 14, al momento ne sono attivi a ciclo completo soltanto sei. Si tratta dei cementifici di Calusco, Rezzato, Colleferro, Samatzia, Matera e Isola delle femmine: secondo la società rappresentano la "fascia d'eccellenza" e sono sufficienti per
mantenere inalterata la quota di mercato che per Italcementi resta a livelli pre-crisi, intorno al 30% della domanda in Italia.
Degli altri, 5 impianti vengono messi in "panchina": di fatto, escono di produzione ma vengono tenuti pronti a intervenire nel caso di ripresa - anche momentanea - della domanda. Anche se, sempre secondo le previsioni, sarà difficile che nel corso del 2013 ne entrino un funzione più di due alla volta. Gli ultimi tre impianti sono destinati a diventare a loro volta dei centri di "macinazione" del materiale.
ITALCEMENTIITALCEMENTI
Il fermo degli impianti non può che avere una ricaduta occupazionale, visto che solo metà degli impianti rimangono in attività come prima. Il "Progetto 2015" si è così accompagnato
a un accordo con i sindacati che prevede il ricorso alla cassa integrazione straordinaria per un numero massimo di 665 dipendenti su un totale di circa 2500 addetti del gruppo, di cui due terzi attualmente impegnati negli stabilimenti e un terzo nella sede centrale di Bergamo.
Al termine del periodo di cassa integrazione, in mancanza di segnali concreti di miglioramento dello scenario congiunturale, il programma prevede che circa la metà delle sospensioni temporanee - secondo quanto comunicato dall'azienda - potranno trasformarsi , in mobilità. Il che dovrebbe portare a una riduzione complessiva dei costi di 40 milioni di euro. Del resto, la riduzione riguarda tutti gli aspetti della vita societaria. Per dire, il consiglio di amministrazione eletto ieri dall'assemblea passa da 20 a 15 membri, di cui 8 indipendenti.






















UNA FETENZIA UNICA ISOLA DELLE FEMMINE

Mentre a Montelepre I pubblici ministeri Francesco del Bene, Sergio Demontis e Daniele Paci hanno chiesto e ottenuto l’arresto non solo per i boss, ma anche per un insospettabile. E' il sindaco di Montelepre,:

Mentre Il Comune di Isola delle Femmine viene sciolto per infiltrazioni mafiose:


Autorizzazione integrata ambientale (Aia), limite alle emissioni più restrittivo rispetto a quello previsto? Sì può fare



SALUTE AMBIENTE E TERRITORIO NELLA COSTITUZIONE






























Nessun commento:

Posta un commento