CEMENTIFICI PETCOKE RIFIUTI DIOSSINE INQUINANTI TUMORI
Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.
NO ALL'USO DI COMBUSTIBILE CDR PER I CEMENTIFICI
"Per dire NO all'uso del CDR come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri ad indicare sul contenitore se il cemento, in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti". Gli ambientalisti lanciano l'allarme, per un eventuale coinvolgimento dei cementifici dell'isola allo smaltimento di rifiuti, con un comunicato stampa congiunto di Decontaminazione Sicilia, AugustAmbiente, Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo, Rete Rifiuti Zero Messina. "Infatti il cemento, ottenuto con il co-incenerimento di CDR e combustibile fossile, - spiegano le associazioni - diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica). Inoltre i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore. Alle Associazioni basta solo quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrari ad ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo. Al posto della combustione del CDR si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia. Dietro l'angolo - concludono le associazioni ambientaliste - ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l'autorizzazione del co-incenerimento del CDR; questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare CDR nei cementifici". Il Combustibile Derivato dai Rifiuti (CDR) è un combustibile solido triturato secco ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani, raccolto generalmente in blocchi cilindrici denominati ecoballe. Il CDR viene utilizzato per l'incenerimento in appositi impianti inceneritori, che essendo dotati di sistemi di recupero dell'energia prodotta dalla combustione producono elettricità o, assieme, elettricità e calore (cogenerazione). Il CDR può essere bruciato anche in forni industriali di diverso genere non specificamente progettati a questo scopo, come quelli dei cementifici, per i quali può essere un combustibile economicamente vantaggioso.Il 22 dicembre 2008 l'Italia è stata condannata dall'Unione europea, perché il CDR (anche il CDR-Q, la qualità migliore) va considerato non nuovo prodotto ma rifiuto, e deve quindi sottostare alle norme di sicurezza relative.



martedì 23 febbraio 2016

L’ultima di Crocetta: al via le procedure per elezioni che non si celebreranno…


L’ultima di Crocetta: al via le procedure per elezioni che non si celebreranno… 

Elorina La Via

Non è una commedia di Ionesco, ma la cronaca di quello che sta succedendo negli uffici della Regione. La legge sulle Province è impugnata. Ma non c’è la nuova legge. Così a norma della vecchia legge si convocano le elezioni per i vertici dei Consorzi di Comuni e Città metropolitane pur sapendo che non verranno celebrate. Intanto sindaci e consiglieri comunali…
La volete sapere l’ultima del governo regionale di Rosario Crocetta? Come tutti sanno, la legge sulla riforma delle Province approvata dall’Assemblea regionale siciliana è stata impugnata dal governo nazionale. E siccome siamo governati da ‘ascari’, i nostri governanti, da bravi ‘ascari’, hanno deciso di non difendere la legge davanti alla Corte Costituzionale, ma di adeguarsi ai dettami romani. Un modo ‘originale’ per difendere la dignità del Parlamento dell’Isola. Del resto, da Crocetta, dal PD siciliano e dai partiti di centrosinistra che appoggiano l’attuale governo non ci si può aspettare altro. Perché gli ‘ascari’ sono sempre ‘ascari’ e rimangono ‘ascari’.
Sennonché i nostri governanti hanno combinato un po’ di casino. Hanno sì presentato alla Commissione Affari istituzionali dell’Ars il disegno di legge con il quale, da bravi servi di Roma, si ‘inginocchiano’ al cospetto del governo nazionale e della ‘grande’ legge di riforma delle Province voluta dall’allora sottosegretario alla Presidenza, oggi Ministro, Graziano Delrio. Poi, però, non c’è stato il tempo per approvarla. L’Ars non l’ha ancora approvata. Che volete: non glielo dovevamo dare un mese a Crocetta e al segretario regionale del PD, Fausto Raciti, per dare vita al quarto governo regionale? Bisognava sistemare Antonello Cracolici all’Agricoltura, dare spazio alla corrente di Giuseppe Lupo e sbattere fuori dalla Giunta, per la seconda volta consecutiva, l’avvocato Antonio Fiumefreddo. Per non parlare della sistemazione delle altre ‘caselle’ della Giunta.
Certo, mentre Crocetta e Raciti ‘discutevano’, Messina era senz’acqua (e lo è ancora), le autostrade diventavano un delirio, con altri crolli e altri disastri. A questo si è aggiunto un altro ‘problemino’: siccome la nuova legge che dovrebbe recepire la legge nazionale Delrio non è stata ancora discussa e approvata da Sala d’Ercole, vige ancora la vecchia legge. E qui arriva il bello: la vecchia legge è impugnata ma c’è: così, nel nome di una legge impugnata, è stata fissata la data delle elezioni degli organi dei Consorzi di Comuni e delle tre Città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. In pratica, gli uffici hanno fissato la data di un’elezione che non ci sarà.
Vi sembra un racconto dell’assurdo? No: è la realtà. Mentre scriviamo sindaci e consiglieri comunali stanno presentando, in massa, le proprie candidature (tranne il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che la legge impugnata esclude). Che verranno formalizzate tra domenica e lunedì prossimi. Parliamo, infatti, di elezioni di secondo grado: dovranno essere sindaci e consiglieri comunali ad eleggersi tra loro per governare i Consorzi di Comuni e le Città metropolitane.
Il problema, lo ribadiamo, è che la legge è impugnata. Ma non c’è ancora una legge per sostituirla. Il Parlamento siciliano, come già ricordato, non l’ha approvata perché la presidenza dell’Ars, a quanto sembra in onore a Ionesco (autore molto amato dal presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, e dal vice presidente, Antonio Venturino), ha ritenuto di non togliere tempo alla crisi del terzo governo Crocetta, dando così un tocco di ‘assurdo’ a una Sicilia ormai monotematica. Insomma: solo strade e acquedotti che franano? Un po’ di sane assurdità non guastano…
Insomma, non si potevano disturbare i ‘manovratori’ (Crocetta, Raciti e il PD) per approvare una legge pro Delrio. Il risultato è tragicomico: gli uffici dell’assessorato alle Autonomie locali (assessorato senza assessore, perché Crocetta non ha ancora scelto il ‘fortunato’) vorrebbero bloccare questa proceduta assurda: elezioni indette per il 29 novembre pur sapendo che non verranno celebrate, sindaci e consiglieri comunali che, senza sapere né leggere, né scrivere, pronto accomodo, si candidano. Ma non possono bloccare la procedura perché ci vuole una nuova legge che l’Ars non ha ancora approvato…
Insomma, siamo all’operetta: grande Rosario da gela, grande PD, grande presidenza dell’Ars!      


post correlati:

Castronovo, le dimissioni sono ufficiali Crocetta è a caccia del sostituto


LA PROFEZIA: LA SICILIA FALLIRÀ TRA POCHI MESI, CI SARÀ LA CATASTROFE SOCIALE


LA PRIMA GIORNATA DELLA “LEOPOLDA” DEL PD DI FARAONE. TANTO CENTRODESTRA, SCONTRO SULL’ANTIMAFIA La “Leopolda sicula” per certificare il fallimento della Sicilia Giulio Ambrosetti


CORSA PER L'ASSISTENZA TECNICI C'E'  ANCHE LA SOCIETA' DELL'ASSESSORE


PER LA SICILIA È PRONTO UN BEL BILANCIO REGIONALE 2015 'FANTASIOSO' CON LA ‘BENEDIZIONE’ DI RENZI E PADOAN


N. 66 RICORSO PER LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 28 agosto 2014 Ricorso per questione di legittimita' costituzionale depositato in cancelleria il 28 agosto 2014 (della Regione Siciliana).


In Sicilia franano le autostrade e le strade tra piogge e incuria di Stato e Regione


Rischio naturale, tegola sulla Regione IL FALLIMENTO DELLA REGIONE SICILIA LO SCIPPO DI RENZI ALLA REGIONE SICILIA


La Sicilia abbandona l’Expo di Milano per manifesta disorganizzazione


CORTE DEI CONTI 2007 Giudizio Parificazione Rendiconto Generale Regione Siciliana Anno 2007 Allegato


REGIONE 2015 AGGIORNAMENTO BILANCIO 2016 2018 MANCANO 1500 MILIONI DI EURO 2016 2017 2018 FORESTALI SANITA ENTI LOCALI Delibera 259 13 OTTOBRE 15


REGIONE 2015 OTTOBRE Audizione in merito alle previsioni del Documento Rassegna Stampa 07 ottobre 2015


CORTE DEI CONTI 2015 10 NOVEMBRE AUDIZIONE DI BACCEI E CROCETTA DPF 2016 2018 REGIONE SICILIA


ISOLA DELLE FEMMINE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMMISSARIO AD ACTA DR. CARMELO MESSINA


REGIONE 2015 AGGIORNAMENTO BILANCIO 2016 2018 MANCANO 1500 MILIONI DI EURO 2016 2017 2018 FORESTALI SANITA ENTI LOCALI Delibera 259 13 OTTOBRE 15


IN ESCLUSIVA/ Intercettato il flusso di coscienza dell’assessore Baccei


post correlati:

Castronovo, le dimissioni sono ufficiali Crocetta è a caccia del sostituto


LA PROFEZIA: LA SICILIA FALLIRÀ TRA POCHI MESI, CI SARÀ LA CATASTROFE SOCIALE


LA PRIMA GIORNATA DELLA “LEOPOLDA” DEL PD DI FARAONE. TANTO CENTRODESTRA, SCONTRO SULL’ANTIMAFIA La “Leopolda sicula” per certificare il fallimento della Sicilia Giulio Ambrosetti


CORSA PER L'ASSISTENZA TECNICI C'E'  ANCHE LA SOCIETA' DELL'ASSESSORE


PER LA SICILIA È PRONTO UN BEL BILANCIO REGIONALE 2015 'FANTASIOSO' CON LA ‘BENEDIZIONE’ DI RENZI E PADOAN


N. 66 RICORSO PER LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 28 agosto 2014 Ricorso per questione di legittimita' costituzionale depositato in cancelleria il 28 agosto 2014 (della Regione Siciliana).


In Sicilia franano le autostrade e le strade tra piogge e incuria di Stato e Regione


Rischio naturale, tegola sulla Regione IL FALLIMENTO DELLA REGIONE SICILIA LO SCIPPO DI RENZI ALLA REGIONE SICILIA


La Sicilia abbandona l’Expo di Milano per manifesta disorganizzazione


CORTE DEI CONTI 2007 Giudizio Parificazione Rendiconto Generale Regione Siciliana Anno 2007 Allegato


REGIONE 2015 AGGIORNAMENTO BILANCIO 2016 2018 MANCANO 1500 MILIONI DI EURO 2016 2017 2018 FORESTALI SANITA ENTI LOCALI Delibera 259 13 OTTOBRE 15


REGIONE 2015 OTTOBRE Audizione in merito alle previsioni del Documento Rassegna Stampa 07 ottobre 2015


CORTE DEI CONTI 2015 10 NOVEMBRE AUDIZIONE DI BACCEI E CROCETTA DPF 2016 2018 REGIONE SICILIA


ISOLA DELLE FEMMINE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMMISSARIO AD ACTA DR. CARMELO MESSINA


REGIONE 2015 AGGIORNAMENTO BILANCIO 2016 2018 MANCANO 1500 MILIONI DI EURO 2016 2017 2018 FORESTALI SANITA ENTI LOCALI Delibera 259 13 OTTOBRE 15


IN ESCLUSIVA/ Intercettato il flusso di coscienza dell’assessore Baccei

AMBROSETTI, BACCEI, BERLUSCONI, CHIAMPARINO, CRACOLICI, CROCETTA, D'ALIA, FARAONE, Forza Italia, LAGALLA, LAURICELLA, LUMIA, LUPO GIUSEPPE, M5S, PD, PISTOTIO, Raciti, RENZI, UDC, VERDINIANI,

Nessun commento:

Posta un commento