CEMENTIFICI PETCOKE RIFIUTI DIOSSINE INQUINANTI TUMORI
Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.
NO ALL'USO DI COMBUSTIBILE CDR PER I CEMENTIFICI
"Per dire NO all'uso del CDR come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri ad indicare sul contenitore se il cemento, in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti". Gli ambientalisti lanciano l'allarme, per un eventuale coinvolgimento dei cementifici dell'isola allo smaltimento di rifiuti, con un comunicato stampa congiunto di Decontaminazione Sicilia, AugustAmbiente, Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo, Rete Rifiuti Zero Messina. "Infatti il cemento, ottenuto con il co-incenerimento di CDR e combustibile fossile, - spiegano le associazioni - diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica). Inoltre i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore. Alle Associazioni basta solo quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrari ad ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo. Al posto della combustione del CDR si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia. Dietro l'angolo - concludono le associazioni ambientaliste - ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l'autorizzazione del co-incenerimento del CDR; questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare CDR nei cementifici". Il Combustibile Derivato dai Rifiuti (CDR) è un combustibile solido triturato secco ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani, raccolto generalmente in blocchi cilindrici denominati ecoballe. Il CDR viene utilizzato per l'incenerimento in appositi impianti inceneritori, che essendo dotati di sistemi di recupero dell'energia prodotta dalla combustione producono elettricità o, assieme, elettricità e calore (cogenerazione). Il CDR può essere bruciato anche in forni industriali di diverso genere non specificamente progettati a questo scopo, come quelli dei cementifici, per i quali può essere un combustibile economicamente vantaggioso.Il 22 dicembre 2008 l'Italia è stata condannata dall'Unione europea, perché il CDR (anche il CDR-Q, la qualità migliore) va considerato non nuovo prodotto ma rifiuto, e deve quindi sottostare alle norme di sicurezza relative.



martedì 23 febbraio 2016

Roberto Lagalla candidato alla guida della Sicilia da UDC, PD e Forza Italia?




Roberto Lagalla candidato alla guida della Sicilia da UDC, PD e Forza Italia? 

Balzano Da Tre


Sarebbe questa l’ultima trovata degli ex democristiani per bloccare anche in Sicilia l’avanzata del Movimento 5 Stelle. Di fatto, Lagalla dovrebbe salvare la coalizione politica che ha portato la Sicilia all’attuale baratro. Una sorta di crocettismo senza Crocetta in salsa PD-berlusconiana
L’ex rettore dell’Università di Palermo, Roberto Lagalla candidato alla presidenza della Regione, appoggiato dagli ex democristiani dell’UDC, dal PD e da Forza Italia? Insomma, non è solo Roma il luogo della politica dove Renzi e Berlusconi potrebbero mettersi d’accordo per provare a frenare l’avanzata del Movimento 5 Stelle (per la cronaca, è stata la ministra della Salute Beatrice Lorenzin a proporre l’alleanza Renzi-Berlusconi per provare a frenare l’avanzata dei grillini nella Capitale). Del resto, ormai la paura della vittoria del Movimento 5 Stelle è uno dei motivi conduttori di questa fase politica italiana.
Non è un mistero, ad esempio, che sulla nuova legge elettorale – l’Italicum – il PD abbia fatto macchina indietro. La legge prevede che chi prende il 40 per cento ha diritto a un premio di maggioranza a Montecitorio, che è l’unica Camera rimasta, dopo il sostanziale declassamento del Senato a Parlamentino di serie B, che sarà buono solo per non mandare in galera i ladri eletti nelle Regioni (il Senato, con l’Italicum, non ha più competenze importanti, non ha più dignità parlamentare, ma mantiene l’immunità per chi ruba). Con l’attuale formulazione della legge, se non si raggiunge il 40 per cento, le prime due forza politiche vanno al ballottaggio.
Ebbene, se fino a qualche tempo fa Renzo era convinto di vincere, ora non lo è più. Siccome al ballottaggio andrebbero PD e grillini, a quanto pare – stando a più sondaggi – vincerebbero Beppe Grillo e i suoi seguaci. Così il PD, primo firmatario il parlamentare nazionale eletto in Sicilia, Giuseppe Lauricella, ha presentato un disegno di legge che cambia le regole del gioco. Se nessuno raggiungerà il 40 per cento – questo il senso della novità che introduce il disegno di legge di Lauricella – i partiti saranno costretti ad allearsi. Cosa che avviene, per esempio, in Inghilterra e in Germania. I grillini, per governare, dovranno trovare alleati. Idem per il PD. Se nessuno dei due partiti raggiungerà il 40 per cento dei voti, insomma, governerà chi darà vita a un esecutivo di coalizione.
Di fatto, ragionandoci su, questa dovrebbe essere la ‘filosofia’ che ispira l’eventuale candidatura di Lagalla alla guida della Sicilia, che non nasce né come candidatura del PD, né come candidatura di Forza Italia, ma come la nuova trovata degli ex democristiani. Già, l’ennesima trovata di scuola Dc. Non bisogna dimenticare, infatti, che, nell’estate del 2012, furono proprio gli ex democristiani dell’UDC di Giampiero D’Alia, insieme con il senatore Giuseppe Lumia e con gli ‘antimafiosi’ di Confindustria Sicilia a tirare fuori la candidatura di Rosario Crocetta. Non è stata una bella trovata, considerati i danni prodotti da Rosario da Gela.
Sempre per la cronaca, mezzo PD siciliano si opponeva alla candidatura di Crocetta alla presidenza della Regione. E sono stati gli ex democristiani di Giuseppe Lupo, di fatto, a imporre Crocetta come candidato del centrosinistra.
Il passato, insomma, non gioca in favore di Lagalla. Essere presentato – anche se ancora non ufficialmente – come espressione dell’area politica che ha ‘partorito’ Crocetta non è il massimo. Il vaticinio politico, mettiamola così, non sembra dei migliori. Anzi. Di fatto, la candidatura di Lagalla, vista in quest’ottica – e noi non ne vediamo altre – ha due significati politici precisi. Primo: riproporre la coalizione che oggi guida la Sicilia con Crocetta che verrebbe messo di lato. Secondo: certificare anche in Sicilia un’alleanza politica per ora parziale: quella tra PD e Forza Italia. Diciamo parziale perché fino ad oggi, all’Assemblea regionale siciliana, i berlusconiani hanno fatto – tranne qualche caso isolato – solo una finta opposizione.
La candidatura di Lagalla non è da prendere sottogamba. Anche perché la nascita pasticciata del quarto governo Crocetta non è la garanzia che la legislatura del Parlamento siciliano si concluderà tra due anni. Dicono che Renzi sia diventato guardingo e non abbia più la voglia di mandare la Sicilia al voto. Può darsi che sia così. Ma ci permettiamo di ricordare che, ormai, a causa degli scippi operato dal governo Renzi al Bilancio della Regione, la situazione, nell’Isola, non è semplice. Anzi, è difficilissimo. Certo, con i ‘magheggi’ potrebbe anche darsi che il Parlamento siciliano approvi il Bilancio 2016 con un ‘buco’ di 3,3 miliardi di Euro. Ma è la situazione sociale che crollerebbe. Perché ormai, Renzi, non è nelle condizioni di restituire alla Regione siciliana i soldi che gli ha rubato. Anche perché la priorità del governo Renzi è salvare la regione Piemonte di Sergio Chiamparino, che ha un ‘buco’ di quasi 6 miliardi di Euro. Insomma, è probabile che con una parte dei soldi rubati alla regione siciliana Renzi proverà a salvare i piemontesi…



post correlati:

Castronovo, le dimissioni sono ufficiali Crocetta è a caccia del sostituto


LA PROFEZIA: LA SICILIA FALLIRÀ TRA POCHI MESI, CI SARÀ LA CATASTROFE SOCIALE


LA PRIMA GIORNATA DELLA “LEOPOLDA” DEL PD DI FARAONE. TANTO CENTRODESTRA, SCONTRO SULL’ANTIMAFIA La “Leopolda sicula” per certificare il fallimento della Sicilia Giulio Ambrosetti


CORSA PER L'ASSISTENZA TECNICI C'E'  ANCHE LA SOCIETA' DELL'ASSESSORE


PER LA SICILIA È PRONTO UN BEL BILANCIO REGIONALE 2015 'FANTASIOSO' CON LA ‘BENEDIZIONE’ DI RENZI E PADOAN


N. 66 RICORSO PER LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 28 agosto 2014 Ricorso per questione di legittimita' costituzionale depositato in cancelleria il 28 agosto 2014 (della Regione Siciliana).


In Sicilia franano le autostrade e le strade tra piogge e incuria di Stato e Regione


Rischio naturale, tegola sulla Regione IL FALLIMENTO DELLA REGIONE SICILIA LO SCIPPO DI RENZI ALLA REGIONE SICILIA


La Sicilia abbandona l’Expo di Milano per manifesta disorganizzazione


CORTE DEI CONTI 2007 Giudizio Parificazione Rendiconto Generale Regione Siciliana Anno 2007 Allegato


REGIONE 2015 AGGIORNAMENTO BILANCIO 2016 2018 MANCANO 1500 MILIONI DI EURO 2016 2017 2018 FORESTALI SANITA ENTI LOCALI Delibera 259 13 OTTOBRE 15


REGIONE 2015 OTTOBRE Audizione in merito alle previsioni del Documento Rassegna Stampa 07 ottobre 2015


CORTE DEI CONTI 2015 10 NOVEMBRE AUDIZIONE DI BACCEI E CROCETTA DPF 2016 2018 REGIONE SICILIA


ISOLA DELLE FEMMINE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMMISSARIO AD ACTA DR. CARMELO MESSINA


REGIONE 2015 AGGIORNAMENTO BILANCIO 2016 2018 MANCANO 1500 MILIONI DI EURO 2016 2017 2018 FORESTALI SANITA ENTI LOCALI Delibera 259 13 OTTOBRE 15


IN ESCLUSIVA/ Intercettato il flusso di coscienza dell’assessore Baccei


post correlati:

Castronovo, le dimissioni sono ufficiali Crocetta è a caccia del sostituto


LA PROFEZIA: LA SICILIA FALLIRÀ TRA POCHI MESI, CI SARÀ LA CATASTROFE SOCIALE


LA PRIMA GIORNATA DELLA “LEOPOLDA” DEL PD DI FARAONE. TANTO CENTRODESTRA, SCONTRO SULL’ANTIMAFIA La “Leopolda sicula” per certificare il fallimento della Sicilia Giulio Ambrosetti


CORSA PER L'ASSISTENZA TECNICI C'E'  ANCHE LA SOCIETA' DELL'ASSESSORE


PER LA SICILIA È PRONTO UN BEL BILANCIO REGIONALE 2015 'FANTASIOSO' CON LA ‘BENEDIZIONE’ DI RENZI E PADOAN


N. 66 RICORSO PER LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 28 agosto 2014 Ricorso per questione di legittimita' costituzionale depositato in cancelleria il 28 agosto 2014 (della Regione Siciliana).


In Sicilia franano le autostrade e le strade tra piogge e incuria di Stato e Regione


Rischio naturale, tegola sulla Regione IL FALLIMENTO DELLA REGIONE SICILIA LO SCIPPO DI RENZI ALLA REGIONE SICILIA


La Sicilia abbandona l’Expo di Milano per manifesta disorganizzazione


CORTE DEI CONTI 2007 Giudizio Parificazione Rendiconto Generale Regione Siciliana Anno 2007 Allegato


REGIONE 2015 AGGIORNAMENTO BILANCIO 2016 2018 MANCANO 1500 MILIONI DI EURO 2016 2017 2018 FORESTALI SANITA ENTI LOCALI Delibera 259 13 OTTOBRE 15


REGIONE 2015 OTTOBRE Audizione in merito alle previsioni del Documento Rassegna Stampa 07 ottobre 2015


CORTE DEI CONTI 2015 10 NOVEMBRE AUDIZIONE DI BACCEI E CROCETTA DPF 2016 2018 REGIONE SICILIA


ISOLA DELLE FEMMINE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMMISSARIO AD ACTA DR. CARMELO MESSINA


REGIONE 2015 AGGIORNAMENTO BILANCIO 2016 2018 MANCANO 1500 MILIONI DI EURO 2016 2017 2018 FORESTALI SANITA ENTI LOCALI Delibera 259 13 OTTOBRE 15


IN ESCLUSIVA/ Intercettato il flusso di coscienza dell’assessore Baccei

AMBROSETTI, BACCEI, BERLUSCONI, CHIAMPARINO, CRACOLICI, CROCETTA, D'ALIA, FARAONE, Forza Italia, LAGALLA, LAURICELLA, LUMIA, LUPO GIUSEPPE, M5S, PD, PISTOTIO, Raciti, RENZI, UDC, VERDINIANI,

Nessun commento:

Posta un commento