CEMENTIFICI PETCOKE RIFIUTI DIOSSINE INQUINANTI TUMORI
Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.
NO ALL'USO DI COMBUSTIBILE CDR PER I CEMENTIFICI
"Per dire NO all'uso del CDR come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri ad indicare sul contenitore se il cemento, in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti". Gli ambientalisti lanciano l'allarme, per un eventuale coinvolgimento dei cementifici dell'isola allo smaltimento di rifiuti, con un comunicato stampa congiunto di Decontaminazione Sicilia, AugustAmbiente, Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo, Rete Rifiuti Zero Messina. "Infatti il cemento, ottenuto con il co-incenerimento di CDR e combustibile fossile, - spiegano le associazioni - diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica). Inoltre i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore. Alle Associazioni basta solo quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrari ad ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo. Al posto della combustione del CDR si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia. Dietro l'angolo - concludono le associazioni ambientaliste - ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l'autorizzazione del co-incenerimento del CDR; questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare CDR nei cementifici". Il Combustibile Derivato dai Rifiuti (CDR) è un combustibile solido triturato secco ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani, raccolto generalmente in blocchi cilindrici denominati ecoballe. Il CDR viene utilizzato per l'incenerimento in appositi impianti inceneritori, che essendo dotati di sistemi di recupero dell'energia prodotta dalla combustione producono elettricità o, assieme, elettricità e calore (cogenerazione). Il CDR può essere bruciato anche in forni industriali di diverso genere non specificamente progettati a questo scopo, come quelli dei cementifici, per i quali può essere un combustibile economicamente vantaggioso.Il 22 dicembre 2008 l'Italia è stata condannata dall'Unione europea, perché il CDR (anche il CDR-Q, la qualità migliore) va considerato non nuovo prodotto ma rifiuto, e deve quindi sottostare alle norme di sicurezza relative.



domenica 9 luglio 2017

MANNINO angelo

ASSESSORE alla munnezza venerdì 7 luglio 2017 ore 8.10 Isola ecologica piano LEVANTE Isola delle femmine, dopo aver buttato i sacchetti di munnezza differenziata nei rispettivi cassoni, l'addetto alla raccolta dati mi chiede il numero di carta per la pesatura, sono in procinto di uscire, sono a metà strada tra la postazione dell'operaio a cui avevo detto i rifiuti che avevo conferito, e il cancello di uscita DELL' isola ecologica, quando si sente la frenata di un'auto È l'assessore MANNINO.ANGELO, SCENDE DALL' AUTO E MI AGGREDISCE verbalmente procedendo parole.ed insulti senza né capo e né coda ": lascia stare gli operai, vattene via di qua stai disturbando gli operai .. sei Una cosa inutile vai via sei ancora qui.. Non capisci? Tu sei una cosa inutile sei da buttare li dentro (indicando il cassonetto dell' immondizia dell' AGESP.) ALLORA NON hai capito devi andare via di qui sei una cosa inutile... adesso prova ad andare a scrivere che ti FACCIO VEDERE CHI sono io" L'aggressione è stata talmente improvvisa e violenta verbalmente (La vena del collo gli si è ingrossata) che mi ha lasciato senza parole anche perché a.mio parere non vi era.nessuna motivazione in questa sua AGGRESSIONE Sconsolato ed amareggiato per l'accaduto mi dirigo.verso la stazione Erg ALLA BIBLIOTECA COMUNALE Vedo IL MANNINO POSTEGGIARE LA SUA AUTO E DOPO QUALCHE SECONDO IL.SOPRAGGIUNGERE DEL SIGNOR FERRANTE GIUSEPPE (aveva assistito alla sceneggiata del MANNINO SENZA PROFERIR PAROLE ERA PRESENTE AD UNA CERTA DISTANZA). NEL CORTILE DELLA BIBBLIOTECA I DUE CONVERSANO AMICHEVOLMENTE. RITORNO VERSO IL PAESE ED INCROCIO L'AUTO DEL SINDACO STEFANO BOLOGNA ANCHE LUI VERSO LA BIBBLIOTECA.......... A QUESTO PUNTO SONO TROPPO AMAREGGIATO DELUSO E INCAZZATO COSA DEVO FARE? Ore 12.10 mi reco.alla caserma dei carabinieri di Isola delle Femmine per esporre al Maresciallo LAGAMBA i fatti. Mi è stato riferito che il Maresciallo era in servizio in paese. NEL rientrare alla mia abitazione, in via Garibaldi ANGOLO via Volturno ci incrociamo con la macchina dei carabinieri con a bordo il Maresciallo LA GAMBA, gli riferisco che avevo bisogno di parlargli urgentemente e se eventualmente era possibile al moento. posteggio e gli vado INCONTRO in corso Italia. Gli chiedo gentilmente se PUÒ leggere gli appunti sul mio telefonino su quanto accaduto. Dopo aver letto mi dice che resta a disposizione in caserma su quanto io decida di intraprendere , ci salutiamo e mi avvio verso la mia auto dopo qualche metro mi viene incontro l'assessore MANNINO e riprende gli insulti mattutini, gli chiedo se PUÒ ripetere gli stessi insulti nei miei confronti alla presenza del Maresciallo lontano da noi di 2 - 3 metri, " si perché io non mi scandu di nuddu con noncuranza continuava i suoi insulti anche alla presenza del Maresciallo, " signor Maresciallo questo signore è una cosa inutile è un FANGO mette sciarra dappertutto parla con gli operai chiede informazioni questo FANGO mette solo zizzania, non deve più parlare deve farsi i CAZZI suoi.... deve buttare l'immondizia e deve andare via ha capito Maresciallo.. ......" Il Mannino omette furbescamente qualche "parolina" (offensiva della mia persona) inveitomi qualche attimo prima. UN CENNO DEL MARESCIALLO MI INDICA DI ANDARE VIA.......... Denuncio sin da ora all'Autorità in indirizzo, chiunque della Pubblica Amministrazione assessore MANNINO ANGELO Sindaco STEFANO BOLOGNA O ALTRI che si renda responsabile di eventuali azioni di ritorsione di rivalsa di intimidazione di persecuzione e di discriminazione di "vendetta" o ......... , ai danni di mia moglie ANGELA ZANGARA dipendente del Comune di Isola delle Femmine. DICHIARAZIONE A VERBALE DI PERSONA INFORMATA SUI FATTI

Nessun commento:

Posta un commento